COPPETTA MESTRUALE: TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE

C'è una cosa che accompagna la vita di noi donne. Una visita mensile alla quale non si può scampare: è il ciclo mestruale! Si parla sempre poco di questo argomento, come se fosse un taboo da evitare, ma per fortuna negli ultimi anni anche questo tema si sta sdoganando e se ne sente parlare molto più liberamente.


Oggi voglio raccontarti di quella che per me è stata una bella scoperta, un'alternativa green ai classici assorbenti: ti porto alla scoperta della coppetta mestruale.

Ti vedo che stai sgranando gli occhi e pensando a chissà quale temutissimo aggeggio diabolico, ma posso assicurarti che, una volta imparata ad utilizzare, non potrai più farne a meno.



Partiamo dalle basi: che cos'è la coppetta mestruale?

E' una validissima alternativa agli assorbenti poichè serve durante il ciclo mestruale per raccogliere il sangue, La coppetta è un alternativa green poichè dura fino a 10 anni e consente quindi di ridurre la produzione di rifiuti di migliaia di assorbenti che una donna consuma durante l'arco della propria vita.


Sul mercato esistono diversi brand che producono coppette mestruali, prodotte in silicone medicale e quindi assolutamente sicure da utilizzare.


Come si utilizza?

Una volta tolta dalla confezione e prima del primissimo utilizzo occorre disinfettarla. Puoi quindi metterla in un pentolino (che userai solo per questo) immersa nell'acqua fino ad ebollizione. Una volta raffreddata, la tua coppetta è pronta per l'utilizzo.


Prima di tutto, lavati bene le mani, devono essere pulite per evitare il sorgere di infezioni. Dopodichè piega la coppetta come vedi nell'immagine, in questo modo sarà più semplice inserirla.


L'inserimento è più facile di quanto pensi, devi solo metterti in una posizione comoda (seduta o in piedi, come preferisci) e fare un bel respiro.


Quando la inserisci, ricorda di spingere un pochino verso il basso, così che la coppetta entri meglio e si adatti subito. Sicuramente dovrai prendere un po' la mano e imparare ad inserirla bene, per questo le prime volte ti consiglio comunque di utilizzare un salva slip nel

caso dovessi avere delle piccole perdite. Pian piano imparerei a farne a meno (è proprio questo lo scopo!).


La cosa bellissima è che puoi tenere la coppetta fino a 12 ore: la inserisci al mattino, ti dimentichi di avere il ciclo, e la togli la sera quando torni a casa. Se hai un flusso molto abbondante ti consiglio di svuotarla almeno una volta nell'arco della giornata; nel mio caso è sufficiente farlo la sera. Se lo desideri, puoi utilizzare la coppetta anche di notte, io invece preferisco tenerla solo di giorno e mettere un assorbente per la notte.


Tra un inserimento e l'altro, sempre con le mani pulite, è sufficiente lavarla con acqua calda e sapone. Quando termini l'utilizzo dopo la settimana, e prima di iniziare nuovamente il mese successivo, ricordati di farla bollire in un pentolino come hai fatto inizialmente.


...E come si rimuove?

Qui viene il bello. Personalmente è stato più difficile imparare a toglierla, piuttosto che inserirla. Prima di tutto ti consiglio di rimanere rilassata e di fare un bel respiro. Spingi il pavimento pelvico, così facendo sarà più facile afferrare la coppetta tramite l'apposito piccolo gambo che si trova all'estremità. Prima di tirare, schiaccia leggermente i bordi della coppetta così che fuoriesca un po' di aria e si eviti l'effetto ventosa. Continua a tirare dal gambo e contemporaneamente spingi il pavimento pelvico. Et voilà. Puoi svuotare la coppetta e lavarla bene prima di reinserirla.


Perchè utilizzare la coppetta mestruale?

Si stima che una donna nell'arco della propria vita utilizzi circa 10.000 assorbenti, che hanno dei tempi di smaltimento lunghissimi. Ne va da sè che una coppetta che dura fino a 10 anni sia un'alternativa che farà bene all'ambiente, in primi luogo, ma anche al nostro portafoglio! Una coppetta costa mediamente da 20 ai 35 euro e dura 10 anni. Un pacchetto che contiene 10 assorbenti costa ha un costo medio di 3 euro, moltiplicato per 10.000 assorbenti fa... 30.000 euro!!!!! Un risparmio enorme per le tasche e un valido aiuto per il nostro pianeta.


Se questo non fosse sufficiente a convincerti, posso assicurarti che la coppetta è un tool discreto, comodo e praticissimo: una volta inserita puoi dimenticarti di avere il ciclo. Puoi andare in palestra, fare sport, yoga, nuoto, fare il bagno in mare e così via. Ti assicuro che non vorrai tornare indietro.


Rispetto ai classici assorbenti interni, la coppetta è più pratica poichè, raccogliendo il sangue piuttosto che assorbirlo, riduce il rischio di infezioni, rossori e sfregamenti. Inoltre non è da cambiare ogni due ore come il tampone interno.


Dove acquistarla e quali sono i brand specializzati?

Puoi comprare la coppetta nella bio profumerie fisiche o online. In questa pagina del blog trovi i miei e-commerce bio preferiti. Solitamente le coppette sono offerte due taglie, una più piccola consigliata sotto una certa età (di solito sotto i trent'anni) e per le donne che non hanno ancora avuto figli, e una più grande per donne che hanno partorito. Ogni marca dà le sue indicazioni in tal senso.


I brand più conosciuti per le coppette sono:


-Lamazuna, brand francese altamente specializzato nella produzione di cosmetici solidi e prodotti eco compatibili

-OrganiCup, pluripremiata azienda specializzata nella produzione di questo tool green

-Lady Cup, quella che utilizzo io, che propone la coppetta in diverse taglie e colorazioni.


Personalmente posso affermare con sicurezza che non tornerei più indietro. La praticità della coppetta, il risparmio economico e l'impatto ambientale ridotto sono impagabili. E non ti succederà più di non poter fare il bagno in mare.... :-)


Se hai trovato questo articolo utile e se ti fa piacere, puoi condividerlo sui social.

Facciamo conoscere l'uso della coppetta ad amiche e conoscenti, risparmiamo un po' di soldini e aiutiamo il nostro bel pianeta!


Un abbraccio,


Giulia



 

DISCLAIMER

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.. L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.

Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da Internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo all'indirizzo seicentosecondi@yahoo.com - Saranno immediatamente rimossi.

L’autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Tutte le opinioni ed i giudizi espressi nel blog rappresentano la diretta esperienza dell'autrice e non vanno interpretati come strumento di informazione medico scientifico.